Il concorso di Toscanini per la rappresentazione del nostro mantra, Manca ‘ncó ‘n plûch

Il concorso di Toscanini per la rappresentazione del nostro mantra, Manca ‘ncó ‘n plûch

Toscanini, come azienda di lungo corso, può contare su un patrimonio di modi di dire, aneddoti e storie che, insieme ai nostri prodotti, ci aiutano a raccontare chi siamo con autenticità e freschezza.

“Manca ‘ncó ‘n plûch”: il far meglio secondo Toscanini

Tra tutte le espressioni ormai sedimentate nel lessico aziendale ce n’è una a cui siamo particolarmente affezionati e che ci rappresenta in maniera perfetta. L’ha coniata nostro padre Ettore, l’abbiamo sentita ripetere ogni volta che è stato necessario uno sforzo in più e ogni volta che il fatto bene nascondeva dentro di sé l’eccellenza: “Manca ‘ncó ‘n plûch”, manca ancora un pelucco. Un invito a guardare oltre la routine quotidiana e ad alzare l’asticella, a ragionare, insomma, “out of the box”, come si dice oggi, e a ricercare l’intuizione che migliora una lavorazione o un passaggio e crea il prodotto perfetto.

Il concorso per rappresentare il mantra di Toscanini

Il “plûch” è diventato un mantra, uno sprone a fare meglio, a non riposare sugli allori. Lo sentiamo talmente nostro da aver voluto trasformare questo concetto difficile da spiegare a parole in un segno, un gesto che lo rappresenti e lo faccia vivere nella nostra comunicazione istituzionale.

Qualche mese fa, quindi, abbiamo lanciato un concorso aperto agli studenti dei corsi e delle facoltà di Belle Arti, Architettura, Design e Grafica Pubblicitaria, invitandoli a rappresentare graficamente il “plûch” dopo aver letto la nostra visione e mission ed esplorato il nostro mondo visivo.

Abbiamo ricevuto una cinquantina di elaborati che sono stati valutati da una giuria composta da designer, esperti di comunicazione e architetti. Le considerazioni espresse dalla giuria hanno portato alla scelta finale del segno proposto da Leonardo Cesati, diplomato in Product Design a Torino, e Giada Orio, anche lei dello IAAD di Torino, premiato per la sua capacità di condensare in un tratto sinuoso ed elegante lo spirito che ci spinge a fare meglio, ogni giorno.

Orange-Juice
Orange-Juice

La filosofia che ispira i vincitori

“La curiosità ci accomuna e siamo sempre in cerca di nuove sfide e opportunità per metterci in gioco. Per questo siamo stati catturati dalla particolare richiesta proposta dal concorso ‘L’arte di Appendere’. Anche noi tendiamo sempre a voler ricercare quel plûch in più, quello slancio verso la qualità e attenzione ai piccoli dettagli, che uniti comunicano un insieme ben distinto e riconoscibile. Durante la realizzazione della nostra proposta abbiamo cercato di liberare la mente e di abbracciare a pieno la filosofia ed i valori dell’azienda Toscanini. Abbiamo voluto procedere lasciando scorrere il nostro flusso creativo tramite spontanei gesti grafici, che attraverso la loro espressività ci hanno condotto alla nostra proposta.

In futuro vorremmo continuare a dar voce alla nostra creatività senza mai smettere di imparare, osservando e interrogandosi su ciò che ci circonda, dando il nostro contributo e punto di vista.”

Il loro disegno originale, che si ispira alla silhouette di un portabito e che la interpreta trasformandola in un tratto dinamico, è stato ulteriormente affinato nel corso di un passaggio successivo. L’operazione di perfezionamento, realizzata di comune accordo con il vincitore, ha puntato a migliorare l’applicabilità del segno su una gamma piuttosto ampia di touchpoint cartacei e digitali, consentendogli di esprimere al meglio il proprio messaggio.

Render-Box
Render Magliette
Render Borsa

Una tappa verso il futuro per i partecipanti

Menzione speciale anche per i progetti presentati da Irene Macioce, studentessa di Communication Design allo IAAD di Bologna, e da Giulia Madini, studentessa di Product Design alla NABA di Milano. Le loro interpretazioni del concetto, diverse per approccio e stile, offrono una chiave di lettura interessante e al tempo stesso elegante della tensione a migliorarsi costantemente che ci appartiene.

“Ci congratuliamo di cuore con i vincitori e con le due finaliste per la creatività e la professionalità con cui hanno lavorato. Hanno dimostrato un talento fuori dal comune che, siamo sicuri, li porterà lontano,” dice Federica Toscanini, Sales & Marketing Director.

Madini Giulia
Macioce-Irene
Madini-Giulia
Macioce-Irene

Condividi questo post